Chi siamo

Sostienici donando il tuo 5x1000

Ogni civiltà si esprime culturalmente attraverso i propri luoghi di sepoltura e le pratiche funerarie ad essi connesse, con le quali sceglie di autorappresentarsi; lo studio delle necropoli, pertanto, rappresenta un momento imprescindibile per la comprensione dell’immaginario religioso, filosofico e culturale del mondo antico. 

Nella Creta meridionale, ad esempio, a partire dall’inizio Bronzo Antico (3000 a.C. ca), le comunità cretesi vennero a sviluppare e articolare la loro dimensione escatologica attraverso la creazione di un nuovo modello di sepoltura, destinato a consolidarsi nell’uso con una lunghissima tradizione: le tombe a tholos

Il loro primo sviluppo si concentra nella Messara, la pianura che si apre nella zona centro meridionale di Creta e dove si trova, come sapete, Festòs: i siti che hanno restituito i casi più caratteristici di tholoi sono Kamilari, Platanos, Lebena e Koumasa (Fig. 1). 

Fig.1 Distribuzione delle tholoi nell_area della Messara, in B. L. Herrero 2011, 50.

Il modello della tomba a tholos è strutturato secondo la caratteristica forma circolare aggettante e semi-ipogea; l’accesso è realizzato perlopiù con blocchi di pietra a disposizione trilitica e l’intera struttura è sostenuta dalla proporzione costante tra lo spessore delle pareti e l’ampiezza della superficie interna (Fig. 2). La ragione del grande impatto architettonico del modello a tholos sta certamente nel fatto che tale costruzione richiedeva un considerevole investimento in termini di tempo e perizia tecnica; le tholoi A e B di Platanos, ad esempio, con un diametro complessivo di circa 18 m e 15 m rispettivamente, rappresentano i modelli dimensionalmente più grandi attestati a Creta (Fig. 3; Fig. 4). 

Fig. 2 Ricostruzione tholos A di Kamilari, in K. Branigan 1993, 54.

 

Fig. 3 Area cimiteriale di Platanos con le tholoi (Alfa, Beta, Gamma, Antico Minoico II-Medio Minoico II, in B. L. Herrero 2011, 64)

 

Fig. 4 Platanos Tholos

Lo spazio antistante le tholoi è occupato da annessi di tipologia varia: nel caso della tholos B di Platanos è presente un’anticamera rettangolare di piccole dimensioni, mentre a Lebena sono presenti più camere affiancate lateralmente (Fig. 5), alle quali è attribuito un uso cerimoniale.

Fig. 5 Tholoi 2 e 2a di Lebena Yerokampos, in K. Branigan 1993, 62.

Il modello di tomba a tholos ospita deposizioni multiple accompagnate da un’ampia varietà di corredi: sono attestati oggetti fittili e in pietra, perlopiù ad uso potorio, figurine, sigilli e amuleti, pugnali in bronzo, monili e diademi in oro (Fig. 6).

 

Fig. 6 Tipologie di diadema, perline in oro e pendenti dal corredo delle tholoi, in K. Branigan 1993, 74.

A partire dalla loro prima comparsa, all’inizio del III millennio a.C., le tholoi rimarranno presenti e in uso a Creta fino al Tardo Minoico (1600-1100 a.C. ca), per un arco temporale, quindi, di non meno di quindici secoli…

Non è chiaro se furono questi monumenti funerari che poi portarono allo sviluppo anche delle tholoi micenee sul continente, ma di certo fu un modello architettonico longevo almeno quanto quello delle nostre chiese… 

 

Caterina Rinaldi

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *